Commento al Vangelo della quindicesima domenica: Mc 6,7-13

C’è, in questo brano di Marco, un dettaglio curioso e bellissimo, umile come un rimasuglio di polvere eppure in grado di evocare scenari immensi: ”scuotete la polvere di sotto ai vostri piedi atestimonianza per loro”. Cosa c’è di più evanescente della polvere? Eppure!!!  eppure la polvere può essere un segno, un richiamo prezioso, una testimonianza, un aiuto. Leggi tutto “Commento al Vangelo della quindicesima domenica: Mc 6,7-13”

Commento al Vangelo della quattordicesima domenica: Mc 6-1–6

Qualunque sia l’atteggiamento del popolo, accogliente, repulsivo e ostile, Dio ha scelto di farsi compagno di strada, ha deciso di camminarci accanto, come promessa e profezia di un tempo nuovo e migliore. Dio sa che l’amore può essere soltanto un dono e mai un dovere; non ci impone la sua presenza, semplicemente continua ad offrirci la sua vicinanza e fedeltà. Leggi tutto “Commento al Vangelo della quattordicesima domenica: Mc 6-1–6”

Commento al Vangelo della tredicesima domenica: Mc 5,21-43

Dobbiamo imparare ad essere persone concrete, a stare con i piedi per terra, questo non è tempo di sognatori o illusionisti, dobbiamo essere concreti. Dobbiamo e vogliamo tutti essere molto concreti, vogliamo stare con i piedi per terra e perfino nel fango, come scrive un maestro dei nostri giorni. Ma se vogliamo restare umani oltre che avere i piedi ben piantati sulla terra, dobbiamo anche avere un’infinita fame di cielo, avere il cuore abitato da grandi sogni vivere liberi dalla paura. Leggi tutto “Commento al Vangelo della tredicesima domenica: Mc 5,21-43”