Commento al Vangelo della terza domenica di Avvento: Gv. 1,6-8.19-28

Se qualcuno, angelo del cielo o uomo di questa terra, un santo o un peccatore, oggi mi chiedesse con sincerità: ”ma tu, chi sei?” Io potrei rispondere soltanto in un modo: “sono un assetato”. Sono una donna, sono un uomo che porta in sé una sete di infinito, non per ingordigia ma per vocazione. Leggi tutto “Commento al Vangelo della terza domenica di Avvento: Gv. 1,6-8.19-28”