Gennaio, è tempo di cambiare…

Cambiare non è semplicemente girare la pagina del calendario ma avere un nuovo orizzonte verso cui dirigere i nostri passi. Al termine di un anno complesso, faticoso e carico di tanto dolore, siamo come ad un bivio, c’è da scegliere la strada da percorrere nei prossimi tempi; abbiamo davanti a noi strade che paiono in discesa e strade che fanno temere faticose salite. Leggi tutto “Gennaio, è tempo di cambiare…”

A Natale facciamo come Dio: diventiamo umani!

Famiglia sicuramente santa, quella di Nazareth! Ma  non per questo esente da fatiche e difficoltà, non messa al riparo dalle ferite e dalle violenze del suo tempo. In un paese occupato militarmente dai romani, oppressa da una religione che sembra una idolatria sacerdotale, povera di risorse come la gran parte delle famiglie del tempo e, questo, simile a tante famiglie del nostro tempo, di ogni tempo. Leggi tutto “A Natale facciamo come Dio: diventiamo umani!”

È Natale; e non è per niente povero!

Sì amici, è Natale anche in questo 2020, anno che ricorderemo per il suo carico di fatica, di paure, di ferite seminate nel corpo e nell’animo di molti, ma non sarà un “ povero natale “ perché Lui, il Signore della luce e della pace viene a noi, e si è fatto precedere dallo Spirito Santo che ha parlato a Maria che lo accoglie come madre, ha parlato a Giuseppe preparandolo ad accogliere Gesù non come genitore ma come padre; e parla, oggi, a ciascuno di noi, e  chiede di essere accolto. Leggi tutto “È Natale; e non è per niente povero!”

Dio sceglie i poveri 

Quarta di Avvento

Natale non è e non sarà mai povero! Il Signore viene a noi, viene ad incontrarci lì dove noi siamo e porta con sé tutto sé stesso. Il Natale di Gesù non può essere povero ma noi possiamo ridurre tutto a un “ povero natale ”, noi possiamo ridurre tutto alla nostra dimensione. Leggi tutto “Dio sceglie i poveri “

Le ferite del prossimo

Terza di Avvento

“Voce di uno che grida nel deserto Parrebbe una storia inutile; sappiamo di gente che vuole una tribuna oppure un palcoscenico anche per non dire niente. Eppure, il grido di Giovanni, porta un messaggio capace di cambiare il corso della storia, ragioni di vita,  fondamento di lotta e di speranza: “ accogliete la Parola  del profeta Isaia e rendete diritta la via del Signore. Sta per venire a voi Colui che battezza in Spirito Santo e verità”. Leggi tutto “Le ferite del prossimo”