25 aprile 2020

Resistere per costruire insieme un nuovo umanesimo di libertà

Perché questo 25 aprile – vissuto ieri con grande e intensa partecipazione – non sia presto dimenticato come ogni celebrazione puramente retorica, bisogna ripartire da una consapevolezza scomoda ma necessaria: abbiamo fatto un cattivo uso della libertà che ci è stata donata.

Per costruire un vero cambiamento bisogna allora innanzitutto ripensare la nostra idea di libertà. La libertà è un bene comune, prima che individuale. È un bisogno di tutti. Per questo è da sempre il motore più potente della Storia, quello che spinge a lottare contro le ingiustizie, le violenze, le dittature. Quello che ha animato la Resistenza e ci ha consegnato la democrazia.

Leggi tutto l’articolo di don Luigi Ciotti (Sacerdote, fondatore del Gruppo Abele e presidente di Liberasu Avvenire.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.